Home Credito & Fisco - Credito & Fisco Beni concessi in godimento a soci o familiari
Beni concessi in godimento a soci o familiari PDF Stampa E-mail

Con la Circolare 24 E del 15 giugno 2012 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle modalità attuative delle disposizioni (di cui dell’articolo 2,commi da 36 terdecies a 36- duodevicies, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n. 148) volte a contrastare il fenomeno della concessione in godimento di beni relativi all’impresa a soci o familiari dell’imprenditore per fini privati.

La suddetta norma regola l’ipotesi in cui i beni relativi all’impresa vengano concessi in godimento a condizioni più favorevoli rispetto a quelle che caratterizzano il mercato, vale a dire, senza corrispettivo o con un corrispettivo inferiore.

In particolare il legislatore ha disciplinato fiscalmente la suddetta fattispecie prevedendo:
- che per i soggetti che ricevono in godimento beni aziendali, il bene stesso costituisce reddito diverso da tassare in capo al soggetto utilizzatore, il reddito è determinato confrontando il minor corrispettivo pattuito e il valore di mercato del bene
- per il soggetto concedente i beni in godimento, viene stabilita l’indeducibilità dei relativi costi sostenuti.

Coerentemente con quanto previsto dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 16 novembre 2011, concernente le modalità e i termini di comunicazione dei dati relativi ai beni concessi in godimento, si precisa che sono esclusi dalla disciplina in commento tutti i beni rientranti nella categoria “altro” del tracciato record contenuto nell’allegato tecnico al provvedimento che hanno un valore non superiore a tremila euro al netto dell’imposta sul valore aggiunto applicata.

Le disposizioni di cui sopra si applicano a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
Pertanto, essendo entrata in vigore la legge di conversione in data 18 settembre 2011, le disposizioni contenute nei commi in esame si applicano, per i soggetti con esercizio coincidente con l’anno solare, a decorrere dal periodo d’imposta 2012.

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/wcm/connect/a74012804ba06961b519f5c7a538dcbe/circolare+24e.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=a74012804ba06961b519f5c7a538dcbe