Home Credito & Fisco - Credito & Fisco Ravvedimento operoso dichiarazione dei redditi
Ravvedimento operoso dichiarazione dei redditi PDF Stampa E-mail

Lo scorso 31 ottobre scadeva il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare e per le persone fisiche. La mancata presentazione di una dichiarazione fiscale nei termini può essere regolarizzata entro i successivi 90 giorni utilizzando il ravvedimento operoso. Ai fini della regolarizzazione della mancata presentazione della dichiarazione, il contribuente dovrà quindi, entro il 29 gennaio 2019 presentare la dichiarazione e contestualmente versare la sanzione ridotta pari a € 25 (1/10 di € 250) per ciascuna dichiarazione inviata codice tributo è “8911”.
Scaduto il termine di 90 giorni la dichiarazione si considera omessa, pertanto la violazione prevede l’applicazione delle normali sanzioni da parte della pubblica amministrazione. Ove il contribuente invece non abbia provveduto al corretto versamento delle imposte nei termini potrà ricorrere al ravvedimento operoso pagando interessi di mora per ciascun giorno di ritardo (al tasso vigente) e sanzioni nelle seguenti misure:

  • 0,1% (per ciascun giorno di ritardo) per ravvedimento entro 14 gg. dalla scadenza 
  • 1,50%, (1/10 del minimo) per ravvedimento entro 30 gg. dalla scadenza
  • 1,67%, (1/9 del minimo) per ravvedimento entro 90 gg. dalla scadenza, a condizione che il versamento sia eseguito entro 90 giorni dalla scadenza
  • 3,75% (1/8 del minimo) per ravvedimento entro i termini di presentazione della dichiarazione dell’anno in cui è commessa la violazione
  • 4,19% (1/7 del minimo) per ravvedimento entro i termini di presentazione della dichiarazione dell’anno successivo è commessa la violazione.
Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.