Home Credito & Fisco - Credito & Fisco Cosa fare per non perdere l’agevolazione dell’iper ammortamento?
Cosa fare per non perdere l’agevolazione dell’iper ammortamento? PDF Stampa E-mail

La legge 232/2016 art. 1 c. 11, prevede che l’impresa debba produrre una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o perito industriale o un attestato di conformità rilasciato da un ente certificato. In caso di beni con costo di acquisizione non superiore a 500.000 euro è sufficiente una dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante.
Le imprese che intendono beneficiare dell’iper ammortamento nel periodo di imposta 2018 devono acquisire la perizia o la dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante entro il 31 dicembre 2018.  La perizia tecnica giurata dell’esperto dovrà avere i requisiti previsti dalla circolare n. 547750 del Mise, si ricorda tra le altre che è opportuno che la perizia tecnica (o attestazione di conformità) sia corredata da un’analisi tecnica. Al fine di agevolare le imprese, viste le possibili difficoltà che i professionisti potrebbero incontrare nel rispettare il termine di fine anno, l’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n. 152/E, ha ritenuto sufficiente che il professionista consegni all’impresa una perizia asseverata, in cui si assume la responsabilità in merito alla veridicità dei contenuti, dando la possibilità di procedere al giuramento della perizia anche a inizio 2019, eventualmente anche presso un notaio.
La consegna al 31 dicembre della perizia asseverata e l’acquisizione da parte dell’impresa, così come la dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante, dovrà avere data certa, si suggerisce l’invio di raccomandata o PEC.
Altro dettaglio rilevante a cavallo d’anno, è che per ottenere l’agevolazione una delle 5 caratteristiche obbligatorie è che il bene strumentale 4.0 sia interconnesso ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program. Qualora l’interconnessione non sia possibile ottenerla nel periodo d’imposta 2018, è ammessa la possibilità di produrre la perizia/attestazione in due fasi separate e successive, la prima basata sulla verifica dei requisiti tecnici e la seconda sull’avvenuta interconnessione.
In tal caso l’agevolazione sarà fruita a decorrere dal periodo d’imposta in cui si compie l’intero iter.
Riepilogando se il bene entra in funzione nel 2018, ma l’interconnessione avviene nel 2019, l’impresa potrà fruire del super ammortamento nel 2018 (+30% nell’anno 2018, tale agevolazione dovrebbe terminare il 31.12.2018 salvo proroghe dell’ultimo minuto nella legge di bilancio 2019) e dell’iper ammortamento nel 2019.
Nel caso di ordini effettuati entro il 31.12.2018 con consegna, entrata in funzione e interconnessione del bene entro il 31.12.2019 è possibile fruire dell’iper ammortamento, dal periodo di imposta 2019, purché sia stato versato entro il 31.12.2018, un acconto almeno pari al 20% del costo di acquisizione del bene.
L’industria 4.0 viene utilizzata in Germania da circa il 16% delle aziende con almeno 10 dipendenti del settore manifatturiero. I robot industriali vengono impiegati per svolgere diverse mansioni e permettono alle PMI di essere all’avanguardia. In Italia solo l’8,7% delle imprese utilizzano almeno una tecnologia 4.0 e le previsioni sono in aumento.
L’iper ammortamento, introdotto dalla legge di bilancio 2017 e confermato dalla legge di bilancio 2018 è l’agevolazione prevista per i titolari di redditi d’impresa che hanno fatto investimenti in determinati beni strumentali. Tale agevolazione consente di fruire di una maggiorazione del 150% sulla quota di ammortamento fiscale dei beni materiali strumentali di nuova produzione in ambito Industria 4.0.
Ai fini agevolativi è necessario il rispetto di uno specifico adempimento documentale.
La legge di bilancio 2019 prevede una proroga dell’iper ammortamento a tutto il 2019 (e 2020 se sia stato versato entro il 31.12.2019 l’acconto del 20%).

Il disegno di legge prevede, come già anticipato, che l’intensità del beneficio sia indirettamente proporzionale al volume di investimento:

  • 150% per investimenti fino a 2.5 mln di euro
  • 100% per investimenti tra i 2,5 e i 10 mln di euro
  • 50% per investimenti tra i 10 e i 20 mln di euro


Non è prevista agevolazione per gli investimenti superiori a 20 milioni di euro. Tuttavia si resta in attesa del testo definitivo.


Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.