Home News - Latest Sondaggio A.P.I.: i risultati evidenziano come internazionalizzazione, stabilità e strategia industriale siano i fattori chiave per la crescita delle PMI
Sondaggio A.P.I.: i risultati evidenziano come internazionalizzazione, stabilità e strategia industriale siano i fattori chiave per la crescita delle PMI PDF Stampa E-mail

“Esportare per continuare a crescere”: questo il focus del sondaggio promosso dal Centro Studi A.P.I. - Associazione Piccole e Medie Industrie - che ha condotto un’indagine, nel periodo aprile/agosto 2019.  Tra le imprese esportatrici, è stato selezionato un campione di PMI, per lo più metalmeccaniche e chimiche con sede nei distretti industriali di Milano (40%), Monza e Brianza (24%), Sud Ovest di Milano (14%), Pavia (10%) e un complessivo 12% in altri territori. Si tratta di Imprese che contano fino a 15 addetti nel 50% dei casi, da 16 a 30 nel 28% e da 30 a 100 per un 22% totale, e che registrano un fatturato da 1 a 3 milioni di euro per il 33%, da 3 a 5 milioni per il 21%, fino a 1 milione di euro per il 17% e, infine, da 5 a 20 milioni per il 29%.


Le PMI lombarde scelgono di esportare
L’indagine A.P.I. rivela che, per il campione analizzato, la percentuale di export sul fatturato globale nel 2019 è risultata in aumento rispetto all’anno precedente nel 48% delle aziende. Il recipiente primario è l’Unione Europea, con un 27% a cui seguono Asia e Nordamerica. Un dato confermato anche da Istat, che evidenzia come, nei primi sei mesi del 2019, i settori farmaceutico, chimico-medicinale e botanico (+28%) contribuiscano positivamente alle vendite con la partecipazione anche del tessile e abbigliamento, pelli e accessori (+7,3%) alimentare, bevande e tabacco (+6,9%), mentre a Giugno altri comparti - mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (-26,4%), metalli di base e prodotti in metallo, eccetto macchine e impianti (-5,9%), prodotti petroliferi raffinati (-14,5%) e autoveicoli (-8,3%) - abbiano registrato una flessione tendenziale dell’export.

Gli ostacoli all'internazionalizzazione
L’internazionalizzazione è una leva di business che incide positivamente sulla crescita delle aziende. In tal senso, sarebbe opportuno che il Governo garantisse una linea chiara e rafforzasse le misure per il commercio internazionale, come i finanziamenti agevolati a favore delle PMI esportatrici e i contributi al credito per l’esportazione, affinché siano favorite nell’affrontare i numerosi ostacoli all’internazionalizzazione. Tra i principali fattori critici è possibile citare le problematiche doganali e linguistiche, la ridotta conoscenza dei mercati stranieri e la necessità di adattare il prodotto ai diversi Paesi di riferimento in base alle specifiche normative nazionali di omologazione e conformità. Dal sondaggio emerge che, nel 29% dei casi, la difficoltà è data dall’individuazione di partner commerciali affidabili. In dettaglio, solo il 41% delle PMI vende direttamente all’estero, il 47% si avvale di distributori, il 12% è presente tramite agenti e solamente un 10% ha sedi produttive o filiali di rappresentanza dirette. Inoltre, il 55% non dispone di un ufficio dedicato alle vendite internazionali, né di una figura specializzata come, ad esempio, l’export manager. Alla luce di tali considerazioni, diventa cruciale aiutare gli imprenditori a superare queste barriere, fornendo loro i mezzi necessari per effettuare scelte più consapevoli.
A.P.I. interviene in questo processo per aiutare le PMI, facendosi portavoce delle loro richieste nelle relazioni istituzionali e internazionali e offrendo loro un sostegno, ad esempio, attraverso approfondite ricerche di mercato volte a capire in quali Paesi i prodotti esportati possono avere maggior successo, tenendo conto di dazi doganali e altri indici importanti come l’andamento dell’inflazione e il peso fiscale, ma anche indagando le abitudini culturali e di consumo dei Paesi analizzati.

Paolo Galassi, Presidente di A.P.I. commenta “L’export è l’elemento trainante per la crescita delle PMI lombarde, che costituiscono lo scheletro della nostra economia. Senza dubbio gli imprenditori devono andare oltre la vendita nei Paesi europei, oramai mercato domestico. Devono rivolgersi a mercati più ampi, con consapevolezza. Uno dei punti di forza è la qualità dei loro prodotti e servizi, un vantaggio competitivo riconosciuto a livello internazionale in numerose industries. Il loro potenziale risiede, inoltre, nella capacità di adattarsi più rapidamente all’evoluzione dei mercati esteri, grazie alla struttura snella che le contraddistingue.” Non solo: “In questo scenario, è di fondamentale importanza che il Governo si renda interprete delle eccellenze italiane nel mondo, varando, finalmente, una politica industriale stabile e duratura di medio-lungo periodo, che dia agli imprenditori un indirizzo su cui fare scelte di business, avviando interventi strutturali volti alla valorizzazione del brand Italia e alla tutela degli interessi in UE. Questo consentirebbe alle PMI di prevedere una strategia di internazionalizzazione di ampio respiro e di strutturarsi in maniera adeguata e non estemporanea”.
“Servono, inoltre, maggiori certezze e più incentivi alla realizzazione di progetti quali, ad esempio, trasformazione digitale, formazione e innovazione”. E conclude: “Abbiamo bisogno di un Governo concreto che cambi strategia e che aiuti le PMI a crescere, non a sopravvivere. Penso ad esempio ai grandi sforzi e alla tensione che stanno vivendo alcuni settori oggi, come la filiera dell’automotive e altri comparti stretti tra dazi, Brexit e il rallentamento dell’economia dei principali partner commerciali (es. Germania). Noi imprenditori siamo in campo, ma la Politica locale e nazionale?”
Leggi il comunicato stampa.

Per informazioni: Ufficio Stampa, tel. 0267140267 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.