Home News - Latest
Latest
The latest news from the Joomla! Team

A.P.I. per lo sviluppo del territorio di Monza e Brianza PDF Stampa E-mail

Lo scorso 13 marzo il Comune di Monza ha approvato la DGC n. 66 relativa alla monetizzazione e compensazione ambientale. Si tratta di un importante risultato ottenuto anche grazie al lavoro di rappresentanza e tutela della PMI svolto da A.P.I., che ha partecipato attivamente al Tavolo Tecnico Scientifico per lo sviluppo della città di Monza finalizzato a generare iniziative per aumentare l’attrattività del territorio.
Un lavoro di collaborazione tra pubblico e privato, nel quale il Comune di Monza è stato accanto al tessuto produttivo brianzolo, che investe per crescere. Il Comune di Monza ha approvato due importanti provvedimenti: “delibera quadro”: finalizzata ad aggiornare le quote di contributo di costruzione e le riduzioni applicabili con l’obiettivo di aumentare l’attrattività del territorio; l’ introduzione di incentivi per ridurre i tempi di recupero delle aree dismesse soggette a Piano Attuativo o a permesso di costruire convenzionato.

Per consultare i dettagli cliccare qui per accedere alla pagina ufficiale del Comune di Monza. 

Per informazioni: Distretto di Monza, tel. 0399418644 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PMI in sicurezza! PDF Stampa E-mail

A seguito degli ultimi gravi incidenti sul lavoro, i controlli da parte degli enti preposti saranno numerosi e più severi: a maggior ragione, è importante verificare che in azienda tutto sia a norma. 
In esclusiva per le imprese associate A.P.I., il Servizio Ambiente Sicurezza e Qualità ha attivato il Check up sicurezza!

Si tratta di un valido e concreto aiuto per verificare la situazione aziendale, a fronte delle vigenti normative, e per individuare, qualora fosse necessario, azioni correttive per la risoluzione delle inadempienze, selezionando le migliori soluzioni per tutelare l'azienda. Non esitate a contattare l’Associazione per attivare il check up. (Per scaricare i dettagli cliccare qui)

Ma perchè si parla di salute e la sicurezza sul lavoro? Perché sono cruciali per lo sviluppo e la salvaguardia dell’impresa, dei lavoratori e degli imprenditori.
La cultura della prevenzione si crea, innanzitutto, con la formazione e l'informazione. Per questo motivo A.P.I. supporta e tutela le imprese associate ogni giorno con un servizio dedicato: Ambiente Sicurezza e Qualità.
Il lavoro dell’Associazione è proprio quello di mettere nelle condizioni l’imprenditore di conoscere la normativa e potersi affidare agli esperti per un supporto consapevole e quotidiano, così da non avere l’aggravio di gestire in autonomia una materia complessa come quella della salute e sicurezza sul lavoro.A.P.I. ha rapporti costanti con le istituzioni pubbliche e private che si occupano del tema, presentando le istanze delle PMI associate e analizzando le nuove misure adottate. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, unitamente al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, all'INAIL e alle altre istituzioni nazionali e locali guardano con attenzione al tema. 
I lavoratori non sono solamente i soggetti tutelati ma anche attori attivi: devono essere consapevoli delle condizioni del proprio ambiente di lavoro, dell'utilizzo dei dispositivi di sicurezza e partecipare alla valutazione dei rischi e alla prevenzione.
La norma di riferimento è il "Testo Unico della sicurezza sul lavoro” (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., così come modificato dal Decreto Legislativo n.151/2015), elaborato recependo le direttive comunitarie che si basano sul principio della programmazione e della partecipazione di tutti i soggetti coinvolti nel processo di miglioramento delle condizioni di prevenzione e tutela della salute sul luogo di lavoro.Il Testo Unico della sicurezza sul lavoro elenca le misure generali di tutela del sistema di sicurezza aziendale, che vengono poi integrate dalle misure di sicurezza previste per specifici rischi o settori di attività.La sicurezza sul lavoro è a carico del datore di lavoro e dei dipendenti o collaboratori che devono comunque adottare un comportamento consono alla struttura in cui si trovano o alla mansione loro affidata.Il luogo di lavoro deve essere dotato di accorgimenti e di strumenti e deve esistere un’attività di prevenzione adeguata ai possibili rischi in azienda precedentemente valutati con il DVR (Documento Valutazione Rischi).

Il complesso normativo della sicurezza sul lavoro è ampio, in pochi punti può essere riassunto in questo modo: il datore di lavoro deve provvedere a definire delle misure generali di tutela attraverso un’attenta e continua valutazione dei rischi, provvedere alla sorveglianza sanitaria e collaborare con RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) e RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), ove presente.



Per informazioni contattare il Servizio Ambiente Sicurezza Qualità, tel. 02.67140301 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Cucchi Giovanni & C. srl PDF Stampa E-mail

Oltre 40 anni di esperienza fanno della Cucchi Giovanni & C un’azienda con solide radici e uno sguardo al futuro. Negli anni 70 nasce, dall’esperienza precedente di torneria automatica di barre, una piccola realtà specializzata nella produzione di caricatori automatici di barre, che nei decenni successivi si impone con crescente successo.
Nata a Bussero (MI) come F.lli Cucchi, negli anni cresce e cambia nel 1985 anche la denominazione sociale in Cucchi Giovanni & C. Il fondatore fu Sig. Giovanni Cucchi, imprenditore con innata passione e inventiva, che fin dall’inizio, grazie alle sue idee e soluzioni innovative, contribuì a rivoluzionare il campo dell’alimentazione automatica di barre alle macchine utensili. 
L’azienda cercò di sviluppare, fin dai primi anni, i propri prodotti in un’ottica di innovazione ed economicità, senza tralasciare la qualità e la praticità di utilizzo. Nel 2003 fu creato il marchio EURO-LOADER con cui vengono commercializzati i prodotti, in occasione dell’entrata nell’importante mercato nord americano. 
La Cucchi Giovanni ha da sempre precorso i tempi adottando e sviluppando le migliori soluzioni ad alto contenuto tecnologico, grazie ai validi collaboratori di cui si avvale e alla collaborazione della sua clientela. Con questo mix si è arrivati a commercializzare i caricatori automatici di barre a marchio CUCCHI GIOVANNI ed EURO-LOADER espandendo la vendita in diverse parti del mondo. Nel 2006 - in concomitanza dell’ingresso alla guida dei 2 figli del fondatore, Cesare e Miriam - l’azienda avvia una riorganizzazione che darà inizio, tra l’altro, all’ampliamento del sito produttivo terminato nel luglio 2008. 
La partecipazione a numerose fiere internazionali e la continua ricerca di nuovi clienti esteri ha portato i prodotti della Cucchi Giovanni al top del mercato tedesco e a proiettarsi tra i principali produttori mondiali di categoria. Importante per raggiungere questo traguardo la collaborazione con i principali produttori di macchine utensili, e questo grazie ai numerosi brevetti internazionali depositati. “Innovazione nella semplicità” è il motto che dà sempre contraddistingue le macchine prodotte dalla piccola grande realtà “Cucchi Giovanni & C.”, impresa versatile e dinamica.
La sede operativa si trova a Bussero, in provincia di Milano, nel cuore di una zona di industriale di altra produttività per tradizione. Oltre alla produzione viene fornita l'assistenza tecnica, commerciale e logistica dell'azienda.
All'interno dei nuovi capannoni di recentissima realizzazione che si sono aggiunti a quelli già presenti per ampliare la potenza produttiva, si concentrano tecnologia, impegno e passione, qualità che permettono di realizzare prodotti eccellenti. Segno dell'attenzione dell'impresa alle tecnologie e al rispetto dell'ambiente la messa in funzione, a partire dal prossimo mese di maggio, di un impianto fotovoltaico di 64 Kwh che renderà la Cucchi Giovanni & C. srl una "Green Company".


Per essere sempre aggiornati sulle iniziative di cliccare qui

Per contattare Cucchi Giovanni & C. srl
Via Genova 4
20060 Bussero (MI)
Tel.: 02.95.03.92.33
Fax: 02.95.03.92.21
Mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Orario di apertura: Lunedì - Venerdì 8.30/12.30 e 14.30/18.30



CUCCHI_S

 
Studio Pagamenti "Cash Management: novità e cambiamenti in atto" PDF Stampa E-mail

A.P.I. è patrocinatore della 14° edizione dello Studio Pagamenti "Cash Management: novità e cambiamenti in atto", che si svolgerà l'11 aprile a Milano. L’evento, organizzato da CRIBIS D&B insieme al Sole 24 ORE, sarà un momento di condivisione di esperienze e di confronto su politiche di crescita, cash management e processi di internazionalizzazione.Temi dell'edizione 2018 saranno: trend dei comportamenti di pagamento in Europa e nel mondo; internazionalizzazione e sviluppo commerciale; working capital e strategie di investimento; condivisione delle informazioni e benchmark di mercato; rischio commerciale e gestione del portafoglio clienti.

Per scaricare l'invito cliccare qui

Per iscriversi cliccare qui

Per informazioni: Servizio Comunicazione A.P.I., te. 0267140263 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Al nuovo Presidente della Regione Attilio Fontana: "La Lombardia sia esempio per il Paese” PDF Stampa E-mail

Con un’affluenza alle urne che supera il 70%, la Lombardia ha espresso la propria volontà decretando la vittoria, alle elezioni regionali, del candidato Attilio Fontana. Un passaggio di testimone all’insegna della continuità per il governo regionale.
“Mi congratulo, anche a nome delle PMI associate, con il neo presidente Fontana per il brillante risultato ottenuto. Gli auguro un buon lavoro, nella certezza che saprà mantenere fede agli impegni assunti in campagna elettorale, nei confronti dei cittadini ma anche delle Imprese.” Così Paolo Galassi, presidente di A.P.I. che aggiunge “Il nostro auspicio è che la politica regionale metta al centro della propria strategia le piccole e medie industrie, vero motore della ripresa, per fare in modo che l’Italia continui a essere la seconda Nazione manifatturiera in Europa. E con tale leadership incida sulle scelte. Va anche proseguita la strada dell’autonomia nella possibilità di trarre opportunità per le imprese.La Lombardia ha tutte le carte in regola per dare un vero segnale di slancio alla ripresa ed è per questo, che deve rappresentare un esempio virtuoso per l’intero Paese.”
Dopo anni di crisi, infatti, le PMI stanno rialzando la testa e puntano di nuovo alla crescita, anche a livello internazionale, ma permangono una serie di problematiche che ne ostacolano un rapido sviluppo. 
“Nel corso degli ultimi mesi A.P.I. ha raccolto le principali richieste degli imprenditori in un documento dettagliato. Per buona parte non sono nuove, ma si tratta di problematiche su cui le nostre associate chiedono da tempo un riscontro: accesso al credito, formazione e ricerca di figure professionali, sostegno all’innovazione, ma anche la creazione di infrastrutture fisiche e digitali adeguate. Il rischio principale è l’impossibilità di essere competitivi nei confronti delle imprese che operano in Paesi con una vera politica industriale.” Commenta ancora Paolo Galassi, che continua“ Oggi, dunque, in questa fase economica ancora molto difficile e delicata, non ci si può più permettere mesi di impasse e di ritardi ma, occorre muoversi alla velocità che serve alle imprese, avere un ancor più un forte senso di responsabilità, da parte del nuovo governo regionale, affinché torni a investire sulle PMI. A.P.I. è pronta a collaborare attivamente per elaborare un’agenda di priorità condivisa, che fornisca alle imprese risposte fattive e immediate.” 
Determinante, per puntare alla crescita economica del Paese e del tessuto produttivo, è garantire anche la massima stabilità politica a livello Nazionale, come evidenziato da Paolo Galassi, che conclude:“In questo momento, ci auguriamo prevalga il senso di unità e coesione, tra tutte le forze politiche, per garantire la massima governabilità del Paese. È giunto il momento di lavorare insieme per permettere all’Italia di uscire dalla fase di stallo, promuovendo un dialogo aperto e continuo tra i governi locali e nazionale, a favore di un maggiore impegno nell’attuazione di interventi concreti per lo sviluppo e il rilancio del sistema impresa, per una riduzione del costo del lavoro e per garantire costi e tempi della giustizia certi per affermare la legalità e combattere la concorrenza sleale”.  


Per accedere alla sala stampa A.P.I. cliccare qui

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa A.P.I.
email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Tel. 0267140267 – Cell. 3280736266

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 7 di 938