Home Credito & Fisco - Credito & Fisco
Credito & Fisco


Fattura elettronica, nuovi esoneri e nuove faq PDF Stampa E-mail

Nella conversione in legge del decreto n.119/2018 è stata proposta un’estensione dei soggetti esonerati dall’emissione della fattura elettronica.
L’estensione dell’esonero alla fattura elettronica, per il solo anno 2019, riguarderà le associazioni sportive dilettantistiche e chi trasmette i dati al sistema della tessera sanitaria, limitatamente ai soli dati trasmessi:
- farmacie e parafarmacie, tipologie di paramedici: infermieri, ostetrici, tecnici sanitari di radiologia, ottici;
- aziende ospedaliere locali e non, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, policlinici universitari, presidi di specialistica ambulatoriale;
- strutture e presidi per l’erogazione di servizi sanitari e assistenza protesica e integrativa- medici chirurghi e odontoiatri;
- strutture autorizzate all’erogazione di servizi sanitari;
- psicologi;
- veterinari.
L'esonero dall'obbligo di emissione della fattura elettronica dovrebbe essere esteso anche le associazioni sportive senza scopo di lucro, (affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli enti nazionali di promozione sportiva) con proventi derivanti dall’esercizio di attività commerciali per un importo non superiore a 65.000 euro, nel periodo d’imposta precedente.

Nuove faq della fattura elettronica l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato le nuove FAQ in cui fornisce una serie di chiarimenti sul tema fattura elettronica, per rispondere ai dubbi più frequenti tra cui gestione delle deleghe e istituzione del relativo registro, emissione e conservazione delle fatture, fattura differita e fuori campo Iva e parecchio altro.
Cliccare qui per accedere alle FAQ.

Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Le scadenze della settimana PDF Stampa E-mail

Il Servizio Fiscale Gestionale Societario, pubblica settimanalmente le scadenze fiscali. Il servizio è teso a garantire un’informativa il più possibile puntuale e offrire un quadro chiaro sugli adempimenti fiscali che gravano su impresa e privati.
Le prossime scadenze sono:

17 dicembre

Soggetti IVA: adempimenti contabili
Emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solareprecedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra i quali è effettuata l'operazione nonché le fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione effettuate nel mese solare precedente.

IMU/TASI
Scade il termine per il versamento del saldo Imu/Tasi 2018.
Versamento ritenute alla fonteVersamento ritenute su redditi da lavoro dipendente e assimilati, lavoro autonomo, provvigioni nonché su corrispettivi per contratti d'appalto nei confronti dei condomini relativi al mese precedente.

Conguagli da 730
I sostituti d'imposta che effettuano le operazioni di conguaglio relative all'assistenza fiscale, dovranno entro oggi provvedere al versamento delle somme a saldo e in acconto trattenute sugli emolumenti o sulle rate di pensione corrisposte nel mese precedente.
Codici tributo: 4731 – Irpef a saldo trattenuta dal sostituto d'imposta - 4730 - Irpef in acconto trattenuta dal sostituto d'imposta.

Addizionali
Versamento a carico dei datori di lavoro delle addizionali regionali/comunali su redditi da lavoro dipendente del mese precedente.

IVA
Liquidazione mensile e Versamento Iva del mese precedente. Codice tributo - 6011.

Tfr imposta sostitutiva sulla rivalutazione
Versamento da parte dei datori di lavoro, dell'acconto dell'imposta sostitutiva sulla rivalutazione delTFR.

Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Fiscale - Scadenzario dicembre PDF Stampa E-mail

Nell’area riservata alle imprese associate è possibile visionare un elenco delle principali scadenze previste per il mese di dicembre.
Cliccare qui per prendere visione del testo integrale del documento.

Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Nuova Sabatini - Terminati i fondi PDF Stampa E-mail

A causa dell’esaurimento delle risorse disponibili, il 4 dicembre 2018, è stato chiuso lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi Nuova Sabatini.
Le richieste di prenotazione inviate nel mese precedente, se non espressamente accolte, potranno essere soddisfatte, qualora si rendano disponibili ulteriori risorse derivate da rinunce ai contributi oppure da riduzione di importi di finanziamento deliberati dagli istituti di credito nei 60 giorni successivi alla chiusura dello sportello.

Per informazioni: Servizio Finanziario – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Rivalsa IVA PDF Stampa E-mail

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione del 26 novembre scorso chiarisce che la rivalsa a seguito di accertamento si differenzia da quella ordinariamente prevista poiché ha carattere facoltativo e presuppone l’avvenuto versamento definitivo della maggiore IVA accertata da parte del fornitore. Attraverso un interpello posto all’Agenzia delle Entrate un’azienda che svolge commercio al dettaglio ha chiesto chiarimenti in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 60, comma settimo, del D.P.R. 633/72 concernente l’esercizio del diritto di rivalsa dell’IVA relativa ad avvisi di accertamento o rettifica emessi nei confronti di fornitori di beni e servizi nella particolare ipotesi di intervenuta estinzione del soggetto passivo acquirente.
La rivalsa a seguito di accertamento è un istituto privatistico, e pertanto in caso di mancato pagamento dell’imposta da parte dell’acquirente del bene o del servizio l’unica possibilità che il fornitore ha per recuperare l’IVA versata all’Erario, ma non incassata, è quella di rivolgersi al giudice civile. Nel caso oggetto dell’interpello, però, questa strada non è più percorribile in quanto la società cessionaria è stata cancellata dal registro delle imprese e, quindi, si è definitivamente estinta e la conseguente perdita della titolarità del rapporto giuridico dedotto in giudizio. Dunque, il diritto di rivalsa, pur astrattamente riconosciuto, non è più giuridicamente esercitabile dalla società istante.

Cliccare qui per prendere visione dell’interpello.

Per informazioni: Servizio Fiscale, Gestionale, Societario, tel. 02.67140268 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 7 di 89