Home Credito & Fisco - Credito & Fisco
Credito & Fisco


Comunicazione beni in uso ad amministratori e soci PDF Stampa E-mail

A partire da quest’anno occorre informare  l’Anagrafe tributaria, attraverso comunicazione telematica, di ogni bene concesso in godimento dall’impresa ai soci/amministratori o familiari di questi ultimi. Per i beni concessi nel 2011 la comunicazione dovrà essere trasmessa entro il prossimo 31 marzo 2012. A tal fine, rilevano i beni assegnati a soci, familiari di questi e a soci o familiari di altre società del gruppo indipendentemente dal corrispettivo previsto per l'utilizzo. Nella comunicazione dovranno essere elencati in modo distinto i beni (classificati in sei categorie: autovetture, veicoli diversi, imbarcazioni da diporto, aerei, immobili, altri beni) dati in uso a titolo gratuito o verso corrispettivo al socio e a prescindere dal fatto che quest'ultimo sia, o meno, inferiore al valore di mercato del diritto. Il provvedimento estende l'obbligo di comunicazione ai finanziamenti o ad altri versamenti (si ritiene diversi da aumenti di capitale sociale già rilevati dal fisco attraverso la registrazione degli atti) effettuati dai soci alle società concedenti. La comunicazione, può essere inviata dalla società o in alternativa dal socio.

 
Incontro con la presidente del Fondo di Garanzia per le Pmi PDF Stampa E-mail

La Federazione Nazionale Organismi API di Credito e Finanza incontrerà il prossimo 9 febbraio a Roma la presidente del Fondo Centrale di garanzia per le Pmi, Claudia Bugno. Istituito nel nostro ordinamento dalla legge n. 662/96 e operativo dal 2000, il Fondo è il principale strumento nazionale volto a favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese attraverso la concessione della garanzia pubblica.I dati sull’andamento del Fondo testimoniano l’importanza dello strumento, che si conferma una delle principali forme pubbliche di sostegno per il credito alle pmi italiane. Nel corso del 2011, le domande di intervento ammesse sono state oltre 55 mila con un incremento del 13,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.All’interno del comitato di gestione del Fondo di Garanzia, la Confapi è presente con un suo funzionario dell’area del credito

 
Nuovi modelli unico e 730 - Gestione Cedolare Secca e IMU PDF Stampa E-mail

Sul sito dell'agenzia delle Entrate, sono disponibili le bozze dei modello 730 e Unico 2012 persone fisiche. Le novità inserite nei modelli di quest’anno (sia Unico che 730) riguardano: la cedolare secca sulle locazioni degli immobili abitativi; il contributo di solidarietà  (per i contribuenti con un reddito complessivo superiore a 300.000 Euro annui lordi); l'eliminazione dell'obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al centro operativo di Pescara sulle ristrutturazioni edilizie che danno diritto alla detrazione del 36% con conseguente ulteriore informativa in dichiarazione. Anche per quest’anno i modelli prevedono i campi dedicati: all'imposta sostitutiva sugli straordinari; alla detrazione per il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso e la  detrazione del 55% per le spese relative al risparmio energetico.  I dati dei fabbricati serviranno poi come base di riferimento per la verifica del tributo IMU. Inoltre nel modello Unico: si tiene conto anche del differimento di 17 punti percentuali dell'acconto Irpef per il 2011, disposto dal Dpcm 21 novembre 2011; è presente inoltre un rigo dedicato all'indicazione del canone Rai (riservato ai contribuenti che esercitano attività d'impresa e che detengono uno o più apparecchi per la ricezione di trasmissioni radio o radiotelevisive in esercizi pubblici o in locali aperti al pubblico o impiegati a scopo di lucro).

 
Utilizzo denaro contante sopra i mille euro PDF Stampa E-mail

Il ministero dell'Economia in occasione di Telefisco 2012, chiarisce alcuni aspetti che riguardano gli anticipi delle trasferte dei dipendenti e il trasferimento di denaro tra familiari. Nel caso di trasferte, il datore di lavoro che si trovi a liquidare un anticipo al dipendente per affrontare le spese connesse alla trasferta, non potrà più anticipare dette somme in contanti se superiori a 1.000 euro. Il datore di lavoro, per non incorrere in sanzioni, dovrà mettere a disposizione le somme presso una banca che sarà incaricata di versare l'importo direttamente al dipendente.
Altro chiarimento riguarda i passaggi che avvengono all'interno della famiglia: se il genitore trasferisce contanti, per un importo pari o superiore a 1.000 euro, al figlio per sostenere le spese relative a un viaggio di studio (anche se il figlio è minorenne e non ha una posizione fiscale autonoma rispetto al padre), si ha una violazione del divieto di trasferimento di contanti previsto nel decreto legislativo 231/2007.  L’unico caso in cui è consentito il passaggio di contante tra soggetti diversi e quello che avviene tra coniugi che si trovano in regime di comunione di beni. La responsabilità per le sanzioni grava sia su chi trasferisce le somme sia su chi le riceve, entrambi i soggetti quindi sono sanzionabili. Come gia precedentemente annunciato nelle nostre circolari, le sanzioni per il mancato rispetto delle disposizioni sull’utilizzo del contante riferite al nuovo limite, saranno applicate a decorrere dal 1 febbraio 2012, per le violazioni commesse da tale data in avanti.

 
Amministratori soci di Srl, doppi contributi previdenziali PDF Stampa E-mail

Il socio di una Srl commerciale che lavora nella società e riveste anche la carica di amministratore deve pagare, per la prima attività, i contributi alla Gestione Commercianti Inps e, per la seconda, alla Gestione separata dei collaboratori. Malgrado i numerosi interventi da parte della nostra Associazione non è stata  riconosciuta ad oggi l’illlegittimità costituzionale del Dl 78/2010 (articolo 12, comma 11) che – con una norma di interpretazione autentica, quindi retroattiva – ha stabilito l'inapplicabilità del principio dell'attività prevalente per decidere qual è il fondo destinatario della contribuzione. Ad oggi quindi i soci che rivestono anche carica di amministratore sono obbligati alla doppia iscrizione alla Cassa Commercianti e alla Gestione Separata dei collaboratori.

 
«InizioPrec.81828384858687888990Succ.Fine»

Pagina 89 di 97