Home Formazione - Formazione
Formazione


Alternanza scuola-lavoro: strumento per studenti e aziende PDF Stampa E-mail

Sono stati pubblicati i risultati della XVI indagine Diplomati 2018 effettuata da AlmaDiploma che ha coinvolto 46.500 diplomati: scopo dello studio indagare la percezione dell’esperienza scolastica, i percorsi di orientamento e le prospettive formative e lavorative del post-diploma. Di particolare interesse quanto emerso relativamente all’alternanza scuola-lavoro, il programma ministeriale di cui A.P.I. è promotrice, finalizzato a consolidare le conoscenze acquisite dagli studenti attraverso un’esperienza pratica. Nel 2018 sono arrivati al diploma i primi studenti che hanno compiuto l’intero triennio di alternanza scuola-lavoro previsto dalla legge 107/2015, tant’è che il 98,6% ha svolto attività di alternanza. Si legge sul rapporto: “L’alternanza scuola-lavoro non sembra essere un’esperienza isolata, che termina con il diploma, ma in alcuni casi si traduce in un rapporto di lavoro con l’azienda presso cui lo studente ha svolto tali periodi lavorativi”. Dai dati esposti, infatti, emerge che ad un anno dal titolo il 20,2% di quanti hanno svolto l’alternanza scuola-lavoro è stato successivamente richiamato dall’azienda presso cui ha svolto l’esperienza e, tra coloro che hanno svolto attività di alternanza scuola-lavoro durante gli studi e risultano occupati al momento dell’intervista, il 33,0% dichiara di lavorare, ancora dopo un anno dal diploma, nell’azienda presso cui ha svolto tale esperienza. I dati descritti sembrano, quindi, confermare la positività dell’alternanza scuola-lavoro sia dal punto di vista degli studenti sia da quello delle aziende, che possono entrare in contatto con giovani da inserire successivamente in organico.

Per ulteriori informazioni sul rapporto clicca qui.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Formazione continua: i fondi interprofessionali PDF Stampa E-mail

Per formare i propri dipendenti gratuitamente le imprese possono scegliere di aderire a uno dei Fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua. Se la sua azienda ha necessità di formare il personale, può mandare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando i riferimenti e il nome del fondo interprofessionale a cui aderisce l'impresa, verrà ricontattato per analizzare e definire le opportunità disponibili. Qualora l’azienda non aderisca a nessun fondo, il servizio formazione le fornirà un supporto per l’individuazione del fondo più idoneo alla sua realtà aziendale.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.210/289/237/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Operativa la Fase II di Garanzia Giovani PDF Stampa E-mail

Continua il supporto di A.P.I. alle imprese associate che assumono giovani, con la pubblicazione sul BURL SO. 1 del 3 gennaio 2019 della fase 2 del piano europeo “Garanzia Giovani Fase II”, Regione Lombardia dà una nuova spinta all’occupazione giovanile.
Il piano, al fine di promuovere l'inserimento occupazionale dei giovani, prevede agevolazioni per le imprese che assumono ragazzi di età compresa tra i 16 e 29 anni; il progetto consente di avere delle diminuzioni del costo del lavoro a seconda delle specifiche tipologie contrattuali. 
Il sistema di assegnazione dei bonus è diversificato in funzione della tipologia di contratto con cui avviene l'assunzione, delle caratteristiche del giovane (profiling) e delle differenze territoriali.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.210/289/237/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Al via la Terza fase di Dote Unica Lavoro PDF Stampa E-mail

Regione Lombardia ha deliberato l’avvio della terza fase del programma Dote Unica Lavoro nell’ambito del Programma Operativo Regionale – FSE 2014-2020 (d.g.r. n.XI/959 del 11 dicembre 2018). Dote Unica Lavoro (DUL) è stata introdotta nel 2013 come strumento per l’attuazione delle politiche del lavoro in Regione Lombardia e, nelle due fasi precedenti, è stata riconosciuta come best practice a livello europeo; la terza fase si presenta come rinnovata in funzione del contesto e delle evoluzioni normative ma immutata nell’impianto generale e nei principi cardine. I destinatari del programma sono:

  • i disoccupati residenti e/o domiciliati in Lombardia con almeno 30 anni di età e, ove beneficiari di Naspi, percettori di tale forma di sostegno da meno di 4 mesi; 
  • gli occupati sospesi, in presenza di crisi, riorganizzazione aziendale o cessazione in unità produttive/operative ubicate in Lombardia, che siano percettori di un ammortizzatore sociale attraverso la Cassa integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS), nell’ambito degli istituti dei Fondi di solidarietà o dell’Assegno di solidarietà come disciplinati dal D. Lgs. n. 148/2015. 

DUL prevede la possibilità per la persona di fruire di servizi funzionali alla qualificazione e/o all’inserimento lavorativo, entro un budget definito in funzione della fascia di “intensità di aiuto” di appartenenza.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 0267140289 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Rinnovi CCNL e pianificazione della formazione PDF Stampa E-mail

Si ricorda alle aziende che applicano i CCNL del settore Metalmeccanico Industria o Piccola e Media Industria che i rinnovi di entrambi i contratti hanno introdotto l’obbligo di coinvolgere i lavoratori assunti a tempo indeterminato in percorsi di formazione continua della durata di 24 ore pro capite nel triennio di riferimento. Per le imprese che applicano il CCNL del settore Metalmeccanico Industria si avvicina il 31 dicembre p.v., termine indicato per la pianificazione della modalità di coinvolgimento dei lavoratori; le industrie che applicano il CCNL piccola e media industria avranno tempo fino al 31 ottobre 2019.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.289/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 23