Home Formazione - Formazione
Formazione


Formazione continua: i fondi interprofessionali PDF Stampa E-mail

Per formare i propri dipendenti gratuitamente le imprese possono scegliere di aderire a uno dei Fondi paritetici interprofessionali nazionali per la formazione continua. Se la sua azienda ha necessità di formare il personale, può mandare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. indicando i riferimenti e il nome del fondo interprofessionale a cui aderisce l'impresa, verrà ricontattato per analizzare e definire le opportunità disponibili. Qualora l’azienda non aderisca a nessun fondo, il servizio formazione le fornirà un supporto per l’individuazione del fondo più idoneo alla sua realtà aziendale.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.210/289/237/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Operativa la Fase II di Garanzia Giovani PDF Stampa E-mail

Continua il supporto di A.P.I. alle imprese associate che assumono giovani, con la pubblicazione sul BURL SO. 1 del 3 gennaio 2019 della fase 2 del piano europeo “Garanzia Giovani Fase II”, Regione Lombardia dà una nuova spinta all’occupazione giovanile.
Il piano, al fine di promuovere l'inserimento occupazionale dei giovani, prevede agevolazioni per le imprese che assumono ragazzi di età compresa tra i 16 e 29 anni; il progetto consente di avere delle diminuzioni del costo del lavoro a seconda delle specifiche tipologie contrattuali. 
Il sistema di assegnazione dei bonus è diversificato in funzione della tipologia di contratto con cui avviene l'assunzione, delle caratteristiche del giovane (profiling) e delle differenze territoriali.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.210/289/237/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Al via la Terza fase di Dote Unica Lavoro PDF Stampa E-mail

Regione Lombardia ha deliberato l’avvio della terza fase del programma Dote Unica Lavoro nell’ambito del Programma Operativo Regionale – FSE 2014-2020 (d.g.r. n.XI/959 del 11 dicembre 2018). Dote Unica Lavoro (DUL) è stata introdotta nel 2013 come strumento per l’attuazione delle politiche del lavoro in Regione Lombardia e, nelle due fasi precedenti, è stata riconosciuta come best practice a livello europeo; la terza fase si presenta come rinnovata in funzione del contesto e delle evoluzioni normative ma immutata nell’impianto generale e nei principi cardine. I destinatari del programma sono:

  • i disoccupati residenti e/o domiciliati in Lombardia con almeno 30 anni di età e, ove beneficiari di Naspi, percettori di tale forma di sostegno da meno di 4 mesi; 
  • gli occupati sospesi, in presenza di crisi, riorganizzazione aziendale o cessazione in unità produttive/operative ubicate in Lombardia, che siano percettori di un ammortizzatore sociale attraverso la Cassa integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS), nell’ambito degli istituti dei Fondi di solidarietà o dell’Assegno di solidarietà come disciplinati dal D. Lgs. n. 148/2015. 

DUL prevede la possibilità per la persona di fruire di servizi funzionali alla qualificazione e/o all’inserimento lavorativo, entro un budget definito in funzione della fascia di “intensità di aiuto” di appartenenza.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 0267140289 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Rinnovi CCNL e pianificazione della formazione PDF Stampa E-mail

Si ricorda alle aziende che applicano i CCNL del settore Metalmeccanico Industria o Piccola e Media Industria che i rinnovi di entrambi i contratti hanno introdotto l’obbligo di coinvolgere i lavoratori assunti a tempo indeterminato in percorsi di formazione continua della durata di 24 ore pro capite nel triennio di riferimento. Per le imprese che applicano il CCNL del settore Metalmeccanico Industria si avvicina il 31 dicembre p.v., termine indicato per la pianificazione della modalità di coinvolgimento dei lavoratori; le industrie che applicano il CCNL piccola e media industria avranno tempo fino al 31 ottobre 2019.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.289/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
A.P.I. incontra ANFA: Buone pratiche per la mobilità europea PDF Stampa E-mail

Lo scorso 27 novembre presso la sede di Milano, A.P.I ha ricevuto la delegazione dell’ANFA - Association Nationale Formation Automobile. L’associazione francese rappresenta differenti stakeholder: le imprese del comparto “ruote” (dalle bici ai veicoli pesanti), i centri di formazione e gli istituti professionali. 
ANFA, che raggruppa oltre 131.000 imprese e 500.000 professionisti, ha formato oltre 55.000 studenti e ha una presenza capillare sul territorio francese coprendo 10 delle 18 province nazionali.
Il vice direttore generale di A.P.I., Alberto Conte, e lo staff del Servizio Formazione hanno incontrato la delegazione ANFA, composta da formatori provenienti da strutture accreditate di diversi territori/regioni francesi, in grado di erogare formazione specializzata legata sia al settore automotive che ad altri settori economici. 
ANFA ha incontrato A.P.I. per conoscere l’associazione, riconosciuta sin dal 1946 a livello territoriale per la tutela degli interessi del patrimonio industriale italiano composto tipicamente da piccole e medie industrie, e le sue attività. Nel corso della prima parte dell’incontro è stata presentata A.P.I., i suoi valori e la mission, in particolare l'attenzione alla formazione degli imprenditori e dei lavoratori. Un asset fondamentale per lo sviluppo della cultura di impresa e delle PMI. Successivamente il focus si è spostato sul tema specifico e tecnico della formazione aziendale.
Dall’incontro è emerso come il sistema formativo francese sia marcatamente differente da quello italiano, in particolare, per quanto riguarda la formazione professionale tecnica, il secondo ciclo comprende istituti di istruzione generale e tecnologici (lycées), istituti professionali come i centri di formazione Apprentice, o altri istituti tecnici che preparano per diplomi di maturità professionale o i certificati di capacità professionale (CAP), il sistema di formazione duale e di certificazione delle competenze è già ben radicato in Francia e consente di dare maggior rispondenza alle richieste professionali provenienti dal tessuto produttivo.
Nel corso della stessa giornata, la delegazione è stata ricevuta da Regione Lombardia per approfondire le linee di indirizzo della formazione professionale e continua.
La reciproca conoscenza delle buone prassi formative e della conoscenza del tessuto imprenditoriale lombardo è importante per supportare lo sviluppo del sistema economico. L’obiettivo è quello di promuovere l’innovazione, lo scambio di esperienze e del know-how tra diverse tipologie di organizzazioni coinvolte nei settori produttivi, dell’istruzione e della formazione.
ANFA è in Italia per stimolare progetti di mobilità transnazionale e accompagnare le organizzazioni formative francesi nell'organizzazione e nell'attuazione degli scambi di giovani, professionisti e formatori. Lo scambio di competenze e esperienze differenti si trasformano in ricchezza per entrambi i soggetti coinvolti. 
Le attività vengono gestite tramite i progetti attuati con Erasmus + il programma europeo per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Nello specifico il piano prevede per il settore Istruzione e Formazione Professionale il miglioramento della qualità e dell’efficacia dei sistemi e delle prassi del settore.

A.P.I. è sempre aperta alle collaborazioni e al confronto sulle competenze. ANFA è stata quindi salutata con "au revoir". 

I referenti del Servizio Formazione per il progetto sono Giuliano Bazzi e Claudia Morellato.

Per informazioni: Servizio Formazione, tel. 02.67140.289/218 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.




27112018_ss

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 3 di 24