Home Relazioni Industriali & Sindacale - Relazioni Industriali & Sindacale
Relazioni Industriali & Sindacale


Prorogato l’invio del rapporto uomini e donne in azienda PDF Stampa E-mail

Si informano le aziende con più di 100 dipendenti che il termine per l'invio del rapporto sulla situazione del personale maschile e femminile riferita al biennio 2016-2017, originariamente fissato al 30 aprile, è stato posticipato al 30 giugno.
La proroga è una conseguenza all’adozione di una procedura informatizzata per l'invio del rapporto, messa a disposizione dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Cliccare qui per accedere alla pagina. 
Per accedere al nuovo applicativo è necessario avere le credenziali di Cliclavoro, oppure quelle del sistema pubblico di identità digitale (Spid).
Il rapporto deve essere trasmesso alle rappresentanze sindacali aziendali e alla consigliera regionale di parità, che elabora i relativi risultati trasmettendoli alla consigliera nazionale di parità, al ministero del Lavoro e al dipartimento delle pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
In caso di mancato invio e relativa segnalazione da parte dei sindacati o dei consiglieri, l’inadempiente verrà invitato a provvedere entro sessanta giorni dopo i quali potranno essere comminate sanzioni fino a 516 euro e, nei casi più gravi, può essere disposta la sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall'azienda.

Per visualizzare la notizia del posticipo del termine cliccare qui

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Nuovo modulo TFR2 PDF Stampa E-mail

In data 19 aprile 2018 è stato pubblicato il decreto interministeriale del 22 marzo 2018, relativo alle modifiche apportate al modulo TFR2, concernente la scelta da parte del lavoratore per la destinazione del trattamento di fine rapporto. A tal fine, il lavoratore potrà scegliere tra il mantenimento del TFR in azienda (ad eccezione delle aziende con almeno 50 dipendenti per le quali rimane il versamento al fondo di tesoreria Inps) o il versamento integrale/parziale al fondo pensione, sulla base di quanto previsto dagli accordi o contratti collettivi.


Per visualizzare il decreto ministeriale cliccare qui

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Gestione separata: indennità di maternità e paternità PDF Stampa E-mail

Con circolare n. 66 del 20 aprile 2018, l’Inps ha fornito le condizioni e le modalità previste per l’indennità di maternità e paternità, nei casi di adozione o affidamento preadottivo, per i lavoratori iscritti alla gestione separata, a seguito delle modifiche introdotte dal decreto ministeriale del 24 febbraio 2016.
In particolare, si ricorda che le lavoratrici iscritte alla Gestione separata, madri adottive o affidatarie, possono fruire dell’indennità di maternità per un periodo di 5 mesi.
Per visualizzare la circolare cliccare qui

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Accesso nuovi soggetti al fondo garanzia PDF Stampa E-mail

Si premette che il credito retributivo (compreso il TFR) vantato dal lavoratore in caso di insolvenza del datore di lavoro, può essere liquidato da un apposito fondo di garanzia costituito presso l’Inps. L’Istituto, tramite messaggio 1627/2018, comunica la realizzazione di un apposito servizio che consente di presentare la domanda di intervento del fondo tramite web, anche alle aziende operanti nel settore del credito al consumo che hanno concesso ai lavoratori prestiti con cessione del TFR in garanzia, nonché ai soggetti che siano ad esse subentrate con diritto di rivalsa nei confronti del lavoratore.Per consentire alle aziende ed ai soggetti aventi titolo di adeguarsi alla nuova modalità operativa, è previsto un periodo transitorio di 6 mesi a decorrere dalla data di pubblicazione del presente messaggio, nel corso del quale sarà ancora possibile inoltrare la domanda in formato cartaceo.
Per visualizzare il messaggio cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Tirocini e loro genuinità PDF Stampa E-mail

L’ispettorato nazionale del lavoro ha fornito, ai propri ispettori, alcune indicazioni operative utili al corretto inquadramento dei tirocini, in particolare di quelli extracurriculari.L’attività di vigilanza è principalmente finalizzata alla verifica della genuinità dei rapporti formativi atteso che, in termini generali, l’organizzazione dell’attività dei tirocinanti – benché finalizzata all’apprendimento on the job – può presentare aspetti coincidenti con i profili dell’etero- direzione che tipicamente connotano i rapporti di lavoro subordinato. È pertanto necessario che la verifica ispettiva valuti complessivamente le modalità di svolgimento del tirocinio in modo tale da poter ritenere l’attività del tirocinante effettivamente funzionale all’apprendimento e non piuttosto all’esercizio di una mera prestazione lavorativa.
Per visualizzare la circolare cliccare qui

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 9 di 43