Home Relazioni Industriali & Sindacale - Relazioni Industriali & Sindacale
Relazioni Industriali & Sindacale


Benefici economici e contrattazione collettiva PDF Stampa E-mail

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha fornito precise indicazioni in merito alla condizione che subordina il godimento dei benefici, da parte delle imprese, al rispetto degli accordi e contratti collettivi. A tal proposito, l’attività di accertamento degli Ispettori dovrà concentrarsi sul trattamento economico e normativo effettivamente garantito ai lavoratori, e non sulla formale applicazione del contratto sottoscritto dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.
Pertanto, a prescindere dal contratto collettivo applicato, si ritiene che anche il datore di lavoro che si obblighi a corrispondere ai lavoratori dei trattamenti equivalenti o superiori a quelli previsti dai suddetti contratti, possa legittimamente fruire dei benefici normativi e contributivi indicati dall’art. 1, comma 1175, della L. n. 296/2006.
Ne consegue che, lo scostamento dal contenuto degli accordi e contratti collettivi stipulati da organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale determinerà la perdita di eventuali benefici normativi e contributivi fruiti. Per approfondire le disposizioni del CCNL applicato e verificarne la corretta applicazione in azienda, il Servizio Relazioni Industriali supporta le imprese associate anche tramite check-up sull’analisi degli adempimenti contrattuali.
Per visualizzare la circolare dell’INL cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.67140305 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Smart-working: le opportunità di A.P.I. PDF Stampa E-mail

Anche quest’anno A.P.I. aderisce alla "Settimana del Lavoro agile", promossa dall’assessorato alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune di Milano, che si terrà dal 20 al 24 maggio. Lo scopo dell’iniziativa è diffondere e ampliare la conoscenza del lavoro agile: una modalità di organizzazione del rapporto di lavoro che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e ne favorisce la produttività attraverso l’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi. Nella settimana del lavoro agile gli interessati potranno saperne di più attraverso sperimentazioni dirette, incontri con aziende che hanno già avviato questa modalità organizzativa e la partecipazione a eventi dedicati.
Come approfondire il tema anche con un’analisi sulla specifica realtà aziendale?
Grazie all’adesione di A.P.I. al “Progetto Smart Lab - Milano Concilia 4.0”, nell’ambito dell’Alleanza di conciliazione ATS di Milano, avente capofila il Comune di Milano, le imprese associate possono usufruire di un percorso di consulenza ad hoc sulla fattibilità dell’implementazione dello smart-working nella propria azienda. 
Per scoprire come aderire alla Settimana del Lavoro agile e al “Progetto Smart Lab - Milano Concilia 4.0”, il Servizio Relazioni Industriali resta a disposizione delle imprese associate.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.67140305 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Proroga incentivo Occupazione Neet PDF Stampa E-mail

Il 17 aprile scorso è stata pubblicata da parte dell’Inps la circolare n. 54 con la quale l’Istituto ha reso operativo ed illustrato le modalità per la fruizione dell’incentivo per l’assunzione di giovani aderenti al programma Garanzia Giovani. L’agevolazione contributiva è prevista per le assunzioni effettuate nel corso del 2019 di soggetti “neet” (senza lavoro oppure non inseriti in un percorso di studio o di formazione), di età compresa tra i 16 ed i 29 anni, con contratto di lavoro a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) nonché in apprendistato professionalizzante. Il benefico è pari ai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro (esclusi quelli Inail) fino a 8.060 euro su base annua.
Per le modalità di fruizione la circolare riprende quanto stabilito dalla precedente n.48/2018, senza introdurre novità sostanziali.
Per visualizzare la circolare Inps cliccare qui

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Relazioni Industriali - Occupazione Sviluppo Sud: novità in merito all'incentivo PDF Stampa E-mail

Indipendentemente dalla residenza del lavoratore, l’incentivo Occupazione Sviluppo Sud spetta esclusivamente nei casi in cui la sede di lavoro, per la quale viene effettuata l’assunzione, sia ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. L’Anpal ha pubblicato il decreto direttoriale n. 178/2019 con il quale ha chiarito che l’incentivo è ammesso esclusivamente per le assunzioni effettuate nel periodo compreso tra il 1 maggio 2019 al 31 dicembre 2019 di soggetti disoccupati che non hanno compiuto al momento dell’assunzione 35 anni di età, oppure, con almeno 35 anni di età ma privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.
Lo sgravio è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all’Inail, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua ed è riconosciuto per le assunzioni con contratto di apprendistato professionalizzante o a tempo indeterminato (anche a seguito di trasformazione del rapporto a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato) anche a scopo di somministrazione.
Le procedure operative verranno illustrate in apposita circolare Inps.
Per visualizzare la circolare Inps cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 0267140305 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Riposi “per allattamento” e pausa pranzo PDF Stampa E-mail

Con l’interpello n.2 dello scorso 16 aprile, il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha confermato che il diritto alla pausa pranzo spetta ai lavoratori che eseguono una prestazione lavorativa superiore a sei ore di lavoro e che, nel relativo computo delle ore da intendersi effettivamente prestate, non rientrano le ore fruite dalle madri lavoratrici per l’allattamento, anche se riconosciute ai fini retributivi e del rispetto dell’orario (normale) di lavoro.
Per visualizzare l’interpello del ministero del Lavoro cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.67140305 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 2 di 59