Home Legale - Legale
Legale


Privacy: a settembre parte il progetto SMEDATA PDF Stampa E-mail

Come si legge nell’ultima newsletter del Garante per la protezione dei dati personali (n. 455) dello scorso 5 luglio, a settembre partirà il progetto SMEDATA dedicato al GDPR, nato da una partnership tra il Garante italiano e l’Autorità per la protezione dati della Bulgaria, con l’obiettivo di supportare le piccole e medie imprese, i professionisti impegnati nell’adeguamento ai nuovi adempimenti normativi in materia di protezione dei dati personali e i soggetti che operano nella consulenza giuridica.
Il progetto, co-finanziato da fondi della Commissione europea e sviluppato in Italia in collaborazione con il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, prevede una serie di importanti iniziative: l’organizzazione di seminari di formazione e convegni, lo sviluppo di uno strumento di auto-valutazione che aiuti le PMI negli adempimenti previsti dalla normativa in materia di protezione dati, la realizzazione di una app gratuita, ricca di contenuti informativi, per rendere più semplice e immediato l’aggiornamento e l’informazione degli imprenditori e dei consulenti privacy che supportano le PMI, oltre che per diffondere la conoscenza dei nuovi diritti garantiti dal Regolamento presso tutti i soggetti interessati.
Per saperne di più, cliccare qui.
Per leggere la newsletter n. 455 del Garante, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Il Garante privacy multa Facebook per 1 milione di euro PDF Stampa E-mail

Come si legge nel comunicato stampa dello scorso 28 giugno, il Garante privacy ha applicato a Facebook una sanzione di 1 milione di euro per gli illeciti compiuti nell’ambito del caso “Cambridge Analytica” (la società che, attraverso un app per test psicologici, aveva avuto accesso ai dati di 87 milioni di utenti e li aveva usati per tentare di influenzare le presidenziali americane del 2016). La sanzione, comminata sulla base del vecchio Codice Privacy, fa seguito al provvedimento del Garante del gennaio di quest’anno, con cui l’Autorità aveva vietato a Facebook di continuare a trattare i dati degli utenti italiani.
Per leggere il comunicato stampa del Garante e saperne di più, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Lotta agli illeciti: ok dal Garante al trasferimento dei dati PDF Stampa E-mail

Come si legge nella sua ultima newsletter (n. 454) dello scorso 21 giugno, il Garante per la protezione dei dati personali ha autorizzato Consob a sottoscrivere un accordo amministrativo per il trasferimento di dati personali tra le autorità di vigilanza finanziaria dello spazio economico europeo (SEE) e quelle al di fuori del SEE.
Obiettivo dell’intesa è il trasferimento di informazioni nell’ambito dell’attività di cooperazione internazionale, finalizzata ad assicurare l'assistenza reciproca per la repressione di comportamenti illeciti sui mercati e per il rispetto da parte degli operatori degli obblighi di trasparenza nei confronti del mercato e degli investitori. E ancora, no del Garante privacy alla raccolta punti “acchiappa consensi”: ribadito il principio secondo cui, per poter partecipare a un programma di raccolta punti e usufruire così di piccoli vantaggi, il cliente non deve essere obbligato a esprimere il consenso a ricevere pubblicità. Ai clienti interessati alla raccolta punti, infatti, non veniva data la possibilità, come richiesto dalla normativa, di esprimere un consenso libero e specifico per le singole finalità di trattamento che la società intendeva svolgere, tra le quali vi era appunto l’attività promozionale.
Per leggere la newsletter n. 454 del Garante, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Data breach, le comunicazioni non devono essere generiche PDF Stampa E-mail

Le comunicazioni agli utenti dei data breach non devono essere generiche e devono fornire precise indicazioni su come proteggersi da usi illeciti dei propri dati, primo fra tutti il furto di identità. È quanto affermato dal Garante per la privacy nel provvedimento adottato nei confronti di uno tra i principali fornitori nazionali di servizi di posta elettronica. Questa e altre notizie nell’ultima newsletter (n. 453) del Garante per la protezione dei dati personali, pubblicata lo scorso 30 maggio. Per accedere alla newsletter n. 453 del Garante, cliccare qui.  

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Il manuale sul diritto europeo in materia di protezione dei dati PDF Stampa E-mail

L'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) ha pubblicato la seconda edizione del "Manuale sul diritto europeo in materia di protezione dei dati", che fornisce una panoramica dei quadri giuridici applicabili dell’Unione europea e del Consiglio d'Europa, aggiornata agli ultimi sviluppi normativi (rispettivamente il GDPR e la Convenzione n. 108 modernizzata).
Il Garante per la protezione dei dati personali ha collaborato alla realizzazione della versione italiana, disponibile cliccando qui
Per saperne di più e leggere il relativo comunicato stampa del Garante Privacy pubblicato lo scorso 14 maggio, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 5 di 20