Home Appalti - Appalti
Appalti


Me.PA, novità bandi beni e servizi PDF Stampa E-mail

Si segnalano alcune recenti novità relative al bando beni e al bando servizi. In particolare, quanto al bando beni, per la categoria merceologica “Informatica, Elettronica, Telecomunicazioni, Macchine per Ufficio” è stata ampliata l'offerta merceologica.

Nello specifico, le novità riguardano:
(i) l’inserimento di una Scheda di catalogo relativa ai Sistemi di rilevazione presenze e controllo accessi;
(ii) l’aggiornamento del “limite di validità dell’offerta”. 

Quanto al bando servizi:
(i) per la Categoria “Servizi per la gestione dell’energia”, è stata pubblicata la nuova sottocategoria Servizi di censimento di livello I degli impianti di illuminazione pubblica;
(ii) quanto alla Categoria “Servizi pulizia immobili, disinfestazione, sanificazione impianti”, la stessa è stata ampliata con il Servizio di Lavaggio tende e/o tappeti. 

Per accedere direttamente al Portale Acquisti in rete, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Contratti pubblici, il settore torna a crescere PDF Stampa E-mail

Sul sito di ANAC, è stato pubblicato il rapporto, relativo al primo quadrimestre 2019, sulle procedure di affidamento perfezionate di importo superiore o uguale a € 40.000. Il rapporto è suddiviso in 4 sezioni di cui una generale contenente le statistiche aggregate dei contratti pubblici e tre sezioni di dettaglio - in cui viene effettuata un’analisi comparata con il quadrimestre dell’anno precedente - relative alle diverse tipologie di contratto (lavori, servizi e forniture).
Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il comparto ha fatto registrare un aumento del 12,3% per numero di procedure e del 36,8% per importo complessivo (+15 mld).
Questo risultato è dovuto soprattutto ad appalti di grandi dimensioni, in particolare quelli banditi da centrali di committenza e soggetti aggregatori nel settore della sanità, che hanno comportato un aumento del 164,2% nel settore delle forniture ordinarie (cfr. tab. 2B pag. 7 del rapporto) e del 157,3% nelle gare di importo superiore ai 25 mln (cfr. tab. 3 pag. 11 del rapporto).
Per saperne di più, cliccare qui; per accedere direttamente al rapporto del primo quadrimestre 2019 cliccare qui

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Corte di Giustizia UE: illegittimo il limite per il subappalto PDF Stampa E-mail

L’istituto del subappalto è visto con favore dal diritto europeo, perché favorisce la concorrenza delle piccole medie imprese.
A tale proposito, si segnala l’importante pronuncia della Corte di Giustizia UE dello scorso 26 settembre, causa C/63/18.
Per meglio comprendere la portata di questa sentenza, il Servizio Appalti presenta un approfondimento dell’Avv. Giancarlo Turri.

La decisione della Corte di Giustizia UE
Con la sentenza indicata (Sez. V, 26.9.2019 – causa C/63/18), la CGUE ha deciso la questione pregiudiziale relativa al se sia compatibile o meno con il diritto dell’Unione una previsione quale quella di cui all’art. 105 D. Lgs. 50/2016 che individua un limite generale e automatico alla quota subappaltabile.La Corte ha risposto negativamente.
La Corte, in particolare, ha precisato che, dalle norme individuate dal legislatore comunitario per disciplinare le situazioni in cui l’offerente fa ricorso al subappalto, “… non si può dedurre che gli Stati membri dispongano ormai della facoltà di limitare tale ricorso a una parte dell’appalto fissata in maniera astratta in una determinata percentuale dello stesso …”, così come imposto dalla normativa italiana.
Da ciò l’incompatibilità della normativa italiana con la Direttiva 2014/24. È bene rilevare come ciò che non è compatibile con i principi comunitari non è tanto la possibilità nel singolo caso concreto di ‘limitare’ il ricorso al subappalto, quanto la limitazione generale e astratta di vietare il ricorso al subappalto oltre una quota definita, valida per tutti gli appalti.

Le ricadute della sentenza
La pronuncia, ovviamente, avrà ampie ricadute operative (fatta salva la possibilità del legislatore nazionale di intervenire).
In astratto, infatti, i singoli concorrenti potranno valutare la possibilità di ricorrere al subappalto al di là della limitazione ‘automatica’ contenuta nell’art. 105 D. Lgs. 50/2016 e nella lex specialis della singola procedura di gara: sarà tuttavia opportuno valutare con attenzione il singolo caso concreto, verificando che la Stazione appaltante non abbia espressamente motivato e argomentato in ordine alle limitazioni circa la possibilità di ricorrere al subappalto.

Articolo a cura dell’Avv. Giancarlo Turri.

È possibile reperire il testo integrale della sentenza, cliccando qui.

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02/671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Appalti - Collana scientifica ANAC PDF Stampa E-mail

L’Autorità Nazionale Anticorruzione pubblica una collana, in cui ospita scritti nei campi del diritto e delle altre scienze sociali e umane sui temi della legalità e del contrasto alla corruzione con particolare riferimento alla prevenzione, all’imparzialità dei funzionari pubblici, alla trasparenza amministrativa e ai contratti pubblici.
Sono stati pubblicati e sono ora disponibili on line il terzo e quarto working paper della collana scientifica dell'Autorità: “L’Anac e la disciplina dei conflitti di interessi”  e “La prassi dell’Anac in materia di conflitto di interessi”.
Per accedere alla collana scientifica di Anac, cliccare qui

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Manutenzione Portale Acquisti in Rete PDF Stampa E-mail

Nel corso dei prossimi mesi sono in programma molteplici attività sul sistema finalizzate a migliorare ed efficientare alcuni servizi della piattaforma. Le operazioni di rilascio in esercizio richiederanno dei fermi di sistema durante i quali saranno indisponibili il portale e tutti i servizi e gli strumenti ad esso connessi. Gli utenti sono, quindi, invitati a pianificare le attività in considerazione di tali periodi di fermo, tenendo conto che nelle date elencate non sarà possibile avviare, gestire, o concludere procedure di acquisto e negoziazione sul portale, né effettuare aggiornamenti sul catalogo e neppure avere accesso al sistema di verifiche inadempimenti.
Il calendario degli eventi pianificati è disponibile nella sezione "Manutenzione Portale", a cui si può accedere da qualsiasi pagina del portale (riquadro grigio in basso). 
Per accedere direttamente alla sezione "Manutenzione Portale", cliccare qui

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02.671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 18