Home Appalti - Appalti
Appalti


Garanzie e appalti sotto soglia PDF Stampa E-mail

Quello delle garanzie è un tema molto caldo per le imprese che partecipano alle pubbliche gare. L’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) è intervenuta, con propria delibera n. 140 dello scorso 27 febbraio, fornendo un importante chiarimento in ordine alle garanzie che possono essere richieste nelle procedure di affidamento dei contratti sotto soglia. Per meglio comprendere la delibera, il Servizio Appalti presenta un approfondimento dell’avv. Anna Ranzani.

La disciplina di riferimento
Preliminarmente, è bene richiamare le norme di riferimento del Codice dei Contratti pubblici (per comodità, di seguito, anche solo il Codice). In primo luogo, l’art. 93, comma 1 del Codice stabilisce che è facoltà della stazione appaltante non richiedere la garanzia fideiussoria provvisoria nei casi di cui alla lett. a), dell’articolo 36, comma 2, del Codice.
Quanto alla garanzia definitiva, l’art. 103, comma 11, del Codice prevede che, sempre per gli appalti di cui alla lett. a), dell’articolo 36, comma 2, del Codice, è facoltà dell’amministrazione in casi specifici non richiedere la garanzia definitiva, sotto forma di cauzione o fideiussione, prevista dal medesimo art. 103. Va ricordato che la lett. a), dell’art. 36, comma 2, del Codice riguarda gli affidamenti di importo inferiore a 40.000 euro, mediante affidamento diretto anche senza previa consultazione di due o più operatori economici o per i lavori in amministrazione diretta. Infine, nella propria delibera, ANAC richiama le Linee Guida n. 4 recanti “Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di operatori economici”.

Il chiarimento di ANAC
Quando la stazione appaltante ha la facoltà di non richiedere la garanzia provvisoria e definitiva? ANAC ha chiarito che tale facoltà è subordinata a una doppia condizione: l’importo del contratto deve essere inferiore a 40.000 euro e deve trattarsi di appalto mediante affidamento diretto. Altrimenti (nei casi di contratti di importo inferiore a 40.000 euro assegnati mediante procedure diverse dall’affidamento diretto), le stazioni appaltanti sono tenute a richiedere la garanzia provvisoria di cui all’articolo 93 comma 1 ultimo periodo e la garanzia definitiva di cui all’art. 103, comma 11 del Codice.

Per prendere visione della delibera ANAC n. 140 dello scorso 27 febbraio, cliccare qui

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
ANAC: aggiornate le FAQ sulla Tracciabilità dei flussi finanziari PDF Stampa E-mail

Sono state pubblicate lo scorso 18 marzo, nella sezione del sito internet dell’ANAC dedicata alle domande frequenti, la nuova FAQ A34 sulla Tracciabilità dei flussi finanziari e la modifica alla FAQ B12 relativa alla normativa sulla tracciabilità per i contratti di sponsorizzazione.
Per accedere alle FAQ aggiornate sulla Tracciabilità dei flussi finanziari, cliccare qui

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
ANAC: on line due nuove rassegne PDF Stampa E-mail

Lo scorso 6 marzo, ANAC ha pubblicato due nuove rassegne ragionate delle massime di precontenzioso, una sulla partecipazione in forma associata alle procedure di affidamento, l’altra in tema di subappalto. Le rassegne, a cura dell’Ufficio Precontenzioso e Pareri dell’ANAC, evidenziano il percorso interpretativo compiuto dall’Autorità attraverso i pareri di precontenzioso emessi nel corso del biennio 2017 - 2018. Per accedere alle rassegne, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401- mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Acquisti in rete P.A.: quando e come rinnovare le dichiarazioni PDF Stampa E-mail

Per le imprese che operano sul Portale Acquisti in rete P.A., dal 31 gennaio, è stata prolungata da 6 a 12 mesi la validità delle dichiarazioni rese. Le imprese possono rinnovare e/o modificare le proprie dichiarazioni tramite il link "Modifica / Rinnovo dati" presente nel menu di sinistra del Cruscotto del Legale Rappresentante. Accanto al link è sempre presente un punto esclamativo che mostra, al passaggio del cursore del mouse, la data di scadenza delle dichiarazioni. Alla scadenza di validità delle dichiarazioni, si ricorda che, per il MePA, l’abilitazione è immediatamente sospesa fino al momento in cui le dichiarazioni dell’impresa non saranno rinnovate o modificate (fino ad allora, l’impresa non è visibile alle P.A., non può essere invitata alle Richieste di offerta e alle Trattative dirette e sono, inoltre, sospese le offerte pubblicate sul catalogo). Per il Sistema dinamico di acquisizione e l’Accordo quadro, l’impresa riceve comunque gli inviti agli Appalti specifici delle P.A. ma, per partecipare, deve prima effettuare il rinnovo delle dichiarazioni; in questo caso, è comunque possibile presentare la propria offerta anche se la richiesta di modifica / rinnovo delle dichiarazioni è in corso di valutazione da parte di Consip. 

Per saperne di più, cliccare qui. Per informazioni: Servizio Appalti, tel. 02671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Corso: Condizioni generali di vendita e recupero del credito PDF Stampa E-mail

Il rischio del mancato pagamento delle proprie fatture è una delle maggiori criticità nella gestione di un’impresa. Come posso prevenirlo e gestirlo? Partecipa al corso di formazione "Condizioni generali di vendita e recupero del credito", per acquisire conoscenze, nonché metodi e strumenti pratici (l’importanza delle condizioni generali di vendita, le clausole fondamentali da inserire nella modulistica aziendale, consigli sul recupero del credito nella fase stragiudiziale e indicazioni su quella giudiziale così da conoscere l’iter e monitorare i costi della procedura). Il corso si terrà a Milano il prossimo 11 marzo dalle 9 alle 17. Il docente sarà l’avv. Paolo Santoro.

Per informazioni di natura tecnica: Servizio Legale A.P.I., tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per informazioni organizzative: A.P.I. Servizi Srl, tel. 02.67140251 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Se la tua impresa è associata ad A.P.I., clicca qui per maggiori informazioni e per iscriverti.

Se la tua impresa non è associata ad A.P.I., clicca qui per maggiori informazioni e per iscriverti.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 13