Home News - Latest
Latest
The latest news from the Joomla! Team

Lavoro e green pass: prime indicazioni operative e FAQ PDF Stampa E-mail

A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 226 del 21 settembre del D.L. n. 127/2021, A.P.I., attraverso il Servizio Relazioni Industriali, ha predisposto un focus, finalizzato a illustrare le prime indicazioni operative e rispondere alle domande più frequenti pervenute in merito.
Per scaricare la circolare cliccare qui e accedere all'area riservata alle associate nella sezione "Notizie e circolari".

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.671401 – mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Lavoro e green pass: novità per l’accesso ai luoghi di lavoro privato PDF Stampa E-mail

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 226 del 21 settembre 2021 il D.L. n. 127/2021.
Di seguito si riportano le principali disposizioni sull’impiego della certificazione verde Covid–19 (Green Pass) in ambito lavorativo privato (art.3).
Per scaricare la circolare cliccare qui e accedere all'area riservata alle associate nella sezione "Notizie e circolari".

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.671401 – mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 
Le PMI ai candidati Sindaco di Milano: “È ora di rimettere al centro l’industria per ripartire” PDF Stampa E-mail

Presentati ai candidati i punti prioritari per rendere Milano faro dello sviluppo post pandemico.
Presso la nuova sede di Viale Monza, lo scorso 22 settembre, gli imprenditori associati ad A.P.I. hanno incontrato separatamente i candidati Sindaco al Comune di Milano Giuseppe Sala, Luca Bernardo, Gianluigi Paragone e Layla Pavone. «Manca poco alla nuova tornata elettorale - ha spiegato Paolo Galassi, presidente di A.P.I. – e, come sempre con la concretezza che contraddistingue le aziende manifatturiere e di servizio alla produzione, abbiamo voluto incontrare i candidati per discutere i temi con cui gli imprenditori combattono quotidianamente.
Allo stesso tempo abbiamo ribadito l’imprescindibile necessità di sostenere le PMI per garantire la stabilità economica e la tenuta dei posti di lavoro. A.P.I. da sempre collabora con il Comune di Milano e la Città Metropolitana, convinta che solo un’alleanza forte tra pubblico e privato possa sostenere lo sviluppo del sistema manifatturiero - di cui, in Lombardia, le PMI rappresentano il 97%».
Per visualizzare il comunicato stampa, cliccare qui.
Per visualizzare la photogallery, cliccare qui.

Visualizza il programma di Beppe Sala, cliccando qui.
Visualizza il programma di Luca Bernardo, cliccando qui.
Visualizza il programma di Gianluigi Paragone, cliccando qui.
Visualizza il programma di Layla Pavone, cliccando qui.

Per informazioni: Ufficio stampa, tel.02.671401 - mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Credito d’imposta beni strumentali: dicitura in fattura anche per i leasing PDF Stampa E-mail

Come noto, il credito d’imposta beni strumentali nuovi è riconosciuto anche per gli investimenti effettuati tramite leasing “locazione finanziaria”.
L’Agenzia delle Entrate con risposta n. 439/2020 ha chiarito che la mancata indicazione della norma agevolativa in fattura comporta la revoca del beneficio, anche se c’è la possibilità di regolarizzare autonomamente i documenti già ricevuti, purché non siano iniziate le attività di controllo.
Nel caso di beni acquistati in leasing, l’indicazione (da integrare se carente) deve essere presente sia nelle fatture relative ai canoni di leasing, sia sul contratto di leasing.
Si ricorda che, in base al periodo di acquisizione del bene, la dicitura da riportare in fattura è:

- per i beni acquistati dal 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2022 (con estensione temporale al 30 giugno 2023 se acconto 20% entro il 31 dicembre 2022) va indicata la dicitura “Bene agevolabile ai sensi dell’art. 1 commi da 1054 a 1058 della legge n. 178 del 30.12.2020”;
−per i beni acquistati dal 01 gennaio 2020 al 15 novembre 2021 va indicata la vecchia normativa (che prevede aliquote differente) “bene agevolabile ai sensi dell’articolo 1, commi da 184 a 197, della legge 27 dicembre 2019, n. 160.

Per informazioni: Servizio Fiscale Gestionale Societario, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Proroga per l’entrata in vigore del nuovo codice della crisi d’impresa PDF Stampa E-mail

Approvato dal Governo il Decreto-Legge n. 118/2021, recante misure urgenti in materia di crisi d'impresa e di risanamento aziendale. In particolare, l’art. 1 ha differito l’entrata in vigore del Codice della crisi d’impresa dal 1° settembre 2021 al prossimo 16 maggio 2022 e rinviato al 2024 le eventuali segnalazioni d’allerta e gli indici di crisi rivolti a far affiorare le difficoltà economico-finanziarie prima dell’insolvenza, nonchè il funzionamento degli Organismi di composizione della crisi “OCRI”.
Si ricorda che la riforma della crisi d’impresa interviene sulla disciplina fallimentare italiana, prevedendo obblighi organizzativi in capo alle imprese:
− segnalazione di creditori pubblici qualificati (a partire dal 2023);
− organi di controllo e indicatori della crisi che attivino procedure di allerta;
− ricerca tramite l’Organismo di composizione della crisi d’impresa (Ocri), istituiti presso le camere di commercio, di una soluzione extragiudiziale alla crisi, mediante l’adozione di misure riorganizzative dell’attività imprenditoriale.
Per comprendere se un’impresa sia in stato di crisi è altresì sufficiente verificare lo stato di tensione di 5 indici di bilancio:
− Oneri finanziari su fatturato;
− Patrimonio Netto su debiti;
− Liquidità a breve termine;
− Cash flow su attivo;
−Indebitamento previdenziale e tributario su attivo.


Per informazioni: Servizio Fiscale Gestionale Societario, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 1155