Home Legale - Legale
Legale


Garante privacy: no al controllo indiscriminato dei lavoratori PDF Stampa E-mail

Non è possibile monitorare la navigazione internet dei lavoratori in modo indiscriminato. Indipendentemente da specifici accordi sindacali, le eventuali attività di controllo devono comunque essere sempre svolte nel rispetto dello Statuto dei lavoratori e della normativa sulla privacy. È quanto affermato dal Garante per la protezione dei dati personali in un provvedimento sanzionatorio nei confronti del Comune di Bolzano, avviato sulla base del reclamo presentato da un dipendente che, nel corso di un procedimento disciplinare, aveva scoperto di essere stato costantemente controllato.
Per saperne di più e leggere le altre notizie pubblicate nell’ultima newsletter del Garante (n. 478 dello scorso 22 giugno), cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Convenzione recupero crediti 2021 PDF Stampa E-mail

Anche per l’anno 2021, A.P.I. ha rinnovato la convenzione per il recupero crediti stragiudiziale e giudiziale con studi legali di fiducia, a tariffe decisamente vantaggiose per le imprese associate.
Per scaricare la circolare cliccare qui e accedere all’area riservata del sito A.P.I. nella sezione “Notizie e circolari”.


Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
GPDPDigest: il racconto in sintesi delle attività del Garante mese per mese PDF Stampa E-mail

GPDPDigest è un nuovo prodotto di informazione del Garante Privacy che raccoglie mensilmente i principali interventi dell’Autorità. Un "memo” per fornire agli utenti un sintetico quadro di riferimento sull'attività del Garante.
In particolare, nel numero di maggio 2021 si parla di: codici di condotta, vaccinazioni, informazione scientifica, sussidi covid, RPD, GDPR, green pass, diritti dei detenuti, informazioni commerciali.
Per saperne di più, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02/671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Garante Privacy: informazioni corrette ai dipendenti sui sistemi aziendali in uso PDF Stampa E-mail
Come si legge nell’ultima newsletter del Garante Privacy (n. 477 dello scorso 19 maggio), una società manifatturiera non potrà più utilizzare i dati dei dipendenti trattati illecitamente attraverso un sistema informatico in uso presso l’azienda. La società non aveva informato correttamente i lavoratori delle caratteristiche del sistema che aveva impiegato anche oltre i limiti stabiliti dall’autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro. Per questi motivi dovrà pagare una sanzione di 40mila euro e mettersi in regola con le misure correttive stabilite dal Garante per la privacy.
Per saperne di più e accedere alle altre notizie pubblicate nell’ultima newsletter del Garante, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
Garante privacy e vaccinazione sul luogo di lavoro PDF Stampa E-mail

Il Garante privacy ha adottato un documento di indirizzo sulla vaccinazione nei luoghi di lavoro, per fornire indicazioni generali sul trattamento dei dati personali, in attesa di un definitivo assetto regolatorio.
Come si legge nel comunicato dello scorso 14 maggio del Garante, anche per la vaccinazione sul luogo di lavoro dovrà essere assicurato il rispetto del tradizionale riparto di competenze tra medico competente e datore di lavoro.
Nel documento di indirizzo, il Garante precisa che le principali attività di trattamento dati - dalla raccolta delle adesioni, alla somministrazione, alla registrazione nei sistemi regionali dell’avvenuta vaccinazione - devono essere effettuate dal medico competente o da altro personale sanitario appositamente individuato.
Nel quadro delle norme a tutela della dignità e della libertà degli interessati sui luoghi di lavoro, infatti, non è consentito al datore di lavoro raccogliere direttamente dai dipendenti, dal medico competente o da altri professionisti sanitari o strutture sanitarie, informazioni relative all’intenzione del lavoratore di aderire alla campagna o all’avvenuta somministrazione (o meno) del vaccino e ad altri dati pertinenti alle sue condizioni di salute.
Tenuto conto dello squilibrio del rapporto tra datore di lavoro e dipendente, il consenso del lavoratore non può costituire in questi casi un valido presupposto per trattare i dati sulla vaccinazione.
Per leggere integralmente il comunicato del Garante dello scorso 14 maggio, cliccare qui.
Si vedano anche: Documento di indirizzo - Vaccinazione nei luoghi di lavoro indicazioni generali per il trattamento dei dati personali e Protezione dei dati - Il ruolo del medico competente in materia di sicurezza sul luogo di lavoro, anche con riferimento al contesto emergenziale.


Per informazioni: Servizio Legale, tel. 02.671401 – mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 27