Proroga del lavoro agile per genitori e fragili

La legge di conversione del decreto-legge n. 145 del 2023 (misure a tutela del lavoro), pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 16 dicembre 2023, all’articolo 18-bis ha previsto la proroga allo svolgimento delle prestazioni di lavoro in modalità agile per determinate categorie di lavoratori.

In particolare, è riconosciuto il diritto a svolgere la prestazione da remoto fino al 31 marzo 2024 ai seguenti soggetti:

  • Genitori lavoratori dipendenti del settore privato che hanno almeno un figlio minore di 14 anni, a condizione che: l’altro genitore sia un lavoratore e non sia beneficiario di strumenti di sostegno al reddito; la prestazione da remoto sia compatibile con le caratteristiche dell’attività lavorativa.
  • Lavoratori cd. fragili e cioè i soggetti maggiormente esposti a rischio di contagio da virus SARS-CoV-2, in ragione dell’età o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o, comunque, da comorbilità che possono caratterizzare una situazione di maggiore rischiosità. A condizione che: l’accertamento dello stato di fragilità sia stato effettuato dal medico competente, nell’ambito della sorveglianza sanitaria; la prestazione da remoto sia compatibile con le caratteristiche dell’attività lavorativa.

Per visualizzare il Decreto legge n. 34/2020 cliccare qui.

Per visualizzare l’allegato B al richiamato decreto cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel. 02.671401 – mail: relazioni.industriali@apmi.it

Condividi su: