Sorveglianza sanitaria a seguito di assenza superiore a 60 giorni per motivi di salute

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro ha pubblicato l’interpello n. 1 del 6 febbraio 2024, con il quale ha fornito una risposta al seguente quesito: “A fronte delle varie differenti applicazioni nei vari ambiti della P.A. dell’assunto in oggetto, si chiede a Codesto Ministero di fornire un’interpretazione univoca della legge, ovvero di chiarire se un soggetto, anche se non esposto, nè segnalato esposto ad alcun rischio lavorativo (chimico, biologico, meccanico e per uso di VDT), debba essere visitato dopo i 60 gg. di assenza per malattia”.

Esaminata la normativa e la giurisprudenza di Cassazione attuale, la Commissione del Ministero del Lavoro ha concluso che ritiene che solo i lavoratori soggetti a sorveglianza sanitaria debbano essere sottoposti alla visita medica di cui all’articolo 41, comma 2, lettera e-ter), al fine di verificare l’idoneità dei medesimi alla mansione.

Per visualizzare l’interpello, cliccare qui.

Per informazioni: Servizio Relazioni Industriali, tel 02671401, mail: relazioni.industriali@apmi.it

Condividi su: