Riforma Fiscale: la circolare con i primi chiarimenti

La riforma dell’IRPEF del 2024 ha introdotto importanti novità riguardanti le aliquote, gli scaglioni di reddito, le detrazioni fiscali e l’abrogazione di alcune normative preesistenti, come delineato nella Circolare n. 2/E dell’Agenzia delle Entrate del 6 febbraio 2024.

Le novità sono state introdotte in attuazione della delega fiscale prevista dalla Legge n. 111/2023 e dal D.Lgs. n. 216/2023. In dettaglio:

Rimodulazione di Aliquote e Scaglioni di Reddito

Per l’anno d’imposta 2024, la struttura delle aliquote e degli scaglioni di reddito per l’IRPEF è stata semplificata e rimodulata come segue:

  • 23% per i redditi fino a 28.000 euro;
  • 35% per i redditi superiori a 28.000 euro e fino a 50.000 euro;
  • 43% per i redditi che superano 50.000 euro.

La modifica comporta una riduzione degli scaglioni di reddito da quattro a tre, con un innalzamento del primo scaglione a 28.000 euro mantenendo l’aliquota al 23%, e la soppressione dell’aliquota al 25% che era precedentemente applicata al secondo scaglione di reddito.

Modifica delle Detrazioni da Lavoro Dipendente e Assimilato

Per il 2024, è stata aumentata la detrazione da lavoro dipendente da 1.880 euro a 1.955 euro per i contribuenti con redditi di lavoro dipendente (escluse pensioni) e per alcuni redditi assimilati, purché il reddito complessivo non superi 15.000 euro.

Questo innalzamento amplia la no tax area fino a 8.500 euro di reddito.

Revisione della Disciplina delle Detrazioni Fiscali

Per i contribuenti con un reddito complessivo superiore a 50.000 euro, la riforma prevede una riduzione di 260 euro della detrazione spettante per l’anno 2024, riguardante specifici oneri detraibili al 19%, escludendo le spese sanitarie.

Abrogazione ACE

La riforma prevede anche l’abrogazione della normativa relativa all’aiuto alla crescita economica (ACE) a partire dal periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2023, mantenendo validi gli effetti sino all’esaurimento per il periodo in corso.

Queste modifiche sono state concepite per semplificare il sistema fiscale, rendere più equa la tassazione dei redditi e stimolare la crescita economica. Tuttavia, l’impatto effettivo di queste misure varierà a seconda delle specifiche situazioni finanziarie dei contribuenti​​.

Per informazioni: Servizio Fiscale Gestionale Societario A.P.I., tel. 02.671401 – mail: fiscale@apmi.it

Condividi su: