Nuova dichiarazione semplificata 730

Nel 2024, il tradizionale modello 730 precompilato lascerà spazio a una nuova forma di dichiarazione dei redditi, denominata “Dichiarazione Semplificata”, specificamente destinata ai dipendenti e ai pensionati. Questa evoluzione rientra nell’ambito di una più ampia Riforma Fiscale, introdotta attraverso una serie di Decreti Legislativi di prima attuazione, che mira a semplificare le procedure fiscali per i contribuenti.

La Dichiarazione Semplificata rappresenta un cambiamento significativo nella modalità di presentazione dei redditi per i lavoratori dipendenti e i pensionati. In base a quanto previsto dall’articolo 1 del D.L. n.1/2024 (DL Adempimenti), si tratta di un passaggio dal modello 730 precompilato a un sistema più diretto e intuitivo, che entrerà in vigore a partire dal 30 aprile 2024, come indicato nel decreto.

Il nuovo sistema permetterà ai contribuenti di accedere, tramite un’area riservata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, alle informazioni che l’agenzia detiene su di loro. Queste informazioni, riguardanti i redditi di lavoro dipendente e assimilati, potranno essere confermate o modificate attraverso un percorso semplificato e guidato. I dati confermati o modificati verranno poi automaticamente inclusi nella dichiarazione dei redditi, che il contribuente potrà inviare direttamente in via telematica.

Questa nuova modalità elimina la necessità per i dipendenti e i pensionati di compilare manualmente i moduli cartacei per la dichiarazione dei redditi, consentendo invece di gestire tutto online, attraverso una procedura guidata che utilizza i dati già presenti nei sistemi dell’Agenzia delle Entrate. Il contribuente dovrà solo confermare o modificare individualmente i dati, senza doverli inserire nuovamente.

Negli anni successivi, si prevede che anche i soggetti delegati, come commercialisti o consulenti fiscali, potranno accedere a queste informazioni per confermarle o modificarle, semplificando ulteriormente il processo di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Una novità rilevante riguarda anche i controlli fiscali: i dati preinseriti dall’Agenzia delle Entrate e confermati dal contribuente saranno esclusi dai controlli, estendendo così le stesse regole già applicate al modello 730 precompilato. Ciò significa che i contribuenti che accettano la dichiarazione semplificata senza apportare modifiche ai dati forniti dall’Agenzia saranno esentati dalle verifiche fiscali su tali informazioni.

Per informazioni: Servizio Fiscale Gestionale Societario A.P.I., tel. 02.671401 – mail: fiscale@apmi.it

Condividi su: